A Roma

Ai racconti dall'inferno di Mariupol il "Premio internazionale Biagio Agnes"

Assegnati gli ambiti riconoscimenti intitolati allo storico direttore generale della Rai e fondatore della TGR. La serata andrà in onda su Rai1 il 5 luglio. I protagonisti si racconteranno nello Speciale TGR di domenica 10.

 

Servizio di Annalisa Angelone, montaggio di Simona Belliazzi. 

Interviste a: Evgenij Malotekna, fotogiornalista; Sergio Rubini, regista; Simona Agnes, presidente Fondazione "Biagio Agnes"; Alessandro Casarin, direttore Tgr

Per la prima volta a Roma, in piazza del Campidoglio, il Premio internazionale di Giornalismo intitolato a Biagio Agnes, storico direttore generale della Rai e fondatore della TGR.

Il premio internazionale a Mstyslav Čhernov, Evgeniy Maloletka e Vasilisa Stepanenko (Associated Press), che hanno documentato in Ucraina l'inferno di Mariupol.

"Sono stati uccisi molti bambini, siamo stati testimoni di famiglie che hanno portato i bambini in ospedale e li hanno visti morire sul tavolo operatorio. E' una cosa che non dimenticherò mai perché non si tratta di uno. Abbiamo visto molti bambini morire".

Molti riconoscimenti al femminile. A Monica Maggioni, direttrice del Tg1, Monica Guerzone del Corriere della Sera, Maria Corbi e Francesca Sforza de La Stampa, Camilla Mozzetti de Il Messaggero.

Ad Amadeus, assente per Covid, il premio per la televisione. Quello per il cinema a "I De Filippo" di Sergio Rubini

"Una famiglia emarginata, che parte da una condizione di emarginazione che poi, grazie al talento e alla tenacia, riesce a ribaltare il proprio destino. Sembra un po' la sorte del nostro Paese".

Premio per la Fiction a "Blanca", interpretata da Maria Chiara Giannetta.

La serata andrà in onda su Rai1 il 5 luglio. I protagonisti si racconteranno nello Speciale TGR di domenica 10.

"Mio padre ha insegnato a tutti noi il rigore, l'impegno, il sacrificio per raggiungere i risultati", ha detto Simona Agnes, presidente della Fondazione "Biagio Agnes"

"Tutte le 24 redazioni sono online, l'ultima TGR Lazio. Questa è la sfida che noi abbiamo accettato un anno fa. E in un anno, da dieci, siamo passati a 24 siti online", ha aggiunto il direttore della TGR, Alessandro Casarin.

Tutti i vincitori dell'edizione 2022 

Premio Internazionale: Mstyslav Čhernov, Evgeniy Maloletka e Vasilisa Stepanenko, Associated Press 
Premio Giornalismo Politico: Angelo Panebianco, Corriere della Sera
Premio Carta Stampata: Monica Guerzoni, Corriere della Sera
Premio Giornalismo Periodico: Maria Corbi e Francesca Sforza, magazine Specchio supplemento domenicale de La Stampa 
Premio per la Televisione: Amadeus, 72a edizione del Festival di Sanremo
Premio Giornalismo Televisivo: Monica Maggioni, Tg1
Premio Fiction: Blanca, Maria Chiara Giannetta, Giuseppe Zeno e Pierpaolo Spollon
Premio Cinema: I Fratelli De Filippo, film diretto da Sergio Rubino con Giancarlo Giannini, Susy Del Giudice e Anna Ferraioli Ravel 
Premio Giornalista economico: Alberto Orioli, Il Sole 24 Ore
Premio Miglior Cronista: Ileana Sciarra, Adnkronos
Premio per la Radio: Un giorno da pecora, Rai Radio 1. Conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro
Premio Giornalismo Digitale: Marco Pratellesi, settimanale Oggi 
Premio Giornalismo Sportivo: Pier Bergonzi, La Gazzetta dello Sport
Premio Giornalista Scrittore: Virman Cusenza, Giocatori d’azzardo. Storia di Enzo Paroli, l’antifascista che salvò il giornalista di Mussolini (Mondadori, 2022)
Premio Under 40: Camilla Mozzetti, Il Messaggero
Premio Speciale: Michele Guardì
Premio alla Carriera: David Robert Gilmour, The Spectator

Come da tradizione, la Fondazione Biagio Agnes assegna una Borsa di studio al primo classificato in graduatoria della Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università Luiss di Roma.  

La giuria - La giuria del “Premio Biagio Agnes” è composta da: Gianni Letta (Presidente), Giulio Anselmi, Carlo Bartoli, Vincenzo De Luca, Stefano Folli, Luciano Fontana, Carlo Fuortes, Paolo Garimberti, Guido Gentili, Giampiero Gramaglia, Luigi Gubitosi, Paolo Liguori, Pierluigi Magnaschi, Massimo Martinelli, Giuseppe Marra, Antonio Martusciello, Monica Mosca, Agnese Pini, Antonio Polito, Aurelio Regina, Carlo Robiglio, Danda Santini, Marcello Sorgi, Fabio Tamburini e Mons. Dario Edoardo Viganò.