Ricerca

A Torino la più grande banca dati dei microrganismi

L'Università capofila di un progetto finanziato coi fondi del PNRR. Virus, batteri, alghe, funghi: oltre 200mila specie, fondamentali per la ricerca su materiali biodegradabili e tecnologie amiche dell'ambiente

A Torino la più grande banca dati dei microrganismi
Ansa
"Wood wide web", la rete fungina così soprannominata dalla rivista Nature che vive nel suolo in simbiosi con le radici trasferendo acqua e nutrienti alle piante.

La più grande biobanca di virus e batteri in Italia. Un hub internazionale per la ricerca sui microrganismi. E' il progetto che vede come capofila l'Università di Torino e che è stato finanziato con i fondi del PNRR. Se spesso i microrganismi vengono visti con sospetto, dimenticando che meno dell'1% è patogeno, questo mondo dell'invisibile è alla base del nostro pianeta e svolge funzioni essenziali per la sua sopravvivenza e sviluppo. E per rafforzare la rete nazionale di microrganismi per conservare e valorizzare la biodiversità microbica, fornendo strumenti efficaci per affrontare le grandi sfide sociali, economiche e ambientali è nato Strengthening the mirri italian research infrastructure for sustainable bioscience and bioeconomy. 

I fondi del PNRR

Progetto sostenuto coi fondi del PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza), che ha come capofila l'Università di Torino, che coordinerà la più grande biobanca di virus e batteri del Paese. Si potrà spaziare tra plastiche completamente biodegradabili, bioarchitettura che usa mattoni in buccia di mais e funghi, coloranti 100% naturali, il ruolo delle alghe per la lotta ai cambiamenti climatici. Finanziato con circa 17 milioni, il progetto coinvolge altri 14 istituzioni, fra cui il CNR (Consiglio nazionale delle ricerche), Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e i maggiori atenei italiani, nella creazione di una rete con la possibilità di avere accesso a un catalogo nazionale che comprende circa 200mila microrganismi e di accedere a una vasta gamma di servizi e proposte formative.