I dati della Camera di Commercio

Torino, con i grandi concerti vendute il 70% delle camere d'albergo

Grazie agli eventi a cavallo tra giugno e luglio in città si sono moltiplicati i turisti con prenotazioni record e un prezzo medio a camera di 100 euro

Torino, con i grandi concerti vendute il 70% delle camere d'albergo
Ansa
Turisti a Torino

I grandi concerti estivi fanno bene a Torino. Secondo i dati dell'Osservatorio Alberghiero della Camera di Commercio stilato insieme alle associazioni del settore tra 26 giugno e 3 luglio il tasso di occupazione settimanale delle camere è del 71 per cento, con un picco del 90 per la notte del 2 luglio. La tariffa media per notte è di 100 euro rispetto agli 88 del resto dell'anno. A livello settimanale i ricavi per camera superano il milione ed ottocento mila euro, per l'esattezza 1.839.552 euro, 300.000 euro in più rispetto al 2019.

I principali traini sono stati il concerto di Vasco Rossi ed il Kappa Futur Festival al Parco Dora. 

"A ogni manifestazione che si svolge in città registriamo ottimi risultati alberghieri, soprattutto dal punto di vista della redditività. Questo ci spinge a lavorare sull'attrazione degli eventi, musicali, sportivi, culturali e congressuali, ma anche su programmazione e migliore gestione dei calendari per coinvolgere tutti gli operatori" spiega Dario Gallina, presidente della Camera di commercio.

"Torino vuole puntare sui grandi eventi e i concerti, una opportunità per la città. Abbiamo esperienza e capacità per essere attrattivi per i grandi organizzatori di concerti. La Città lavorerà con tutta la filiera, dagli albergatori ai commercianti. Solo insieme possiamo centrare questa opportunità per Torino" ha aggiunto Mimmo Carretta, assessore al Turismo e Grandi Eventi.