L'operazione investe diverse province

'Ndrangheta in corso arresti e perquisizioni

L'attività coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia: smantellata una rete dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Al vertice il boss Vittorio Raso, arrestato nelle scorse settimane a Barcellona dopo una lunga latitanza.

'Ndrangheta in corso arresti e perquisizioni
Polizia
Polizia

Maxi operazione all'alba. Sono 28 le persone colpite da provvedimenti cautelari. Impegnata la polizia di Torino nel Torinese e nelle province di Milano, Varese, Alessandria, Napoli e Asti. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, di plurime cessioni di
ingenti quantitativi di narcotici (hashish, marijuana e cocaina), violazione della normativa in materia di armi, riciclaggio, reimpiego di denaro provento delittuoso, rapina e
ricettazione. 

Venti le misure cautelari in carcere, 6 agli arresti domiciliari e due obblighi di dimora. L'inchiesta ha avuto inizio nell'ottobre 2019 a seguito della latitanza del boss della 'ndrangheta Vittorio Raso. Il gruppo criminale secondo l'accusa sarebbe stato diretto dallo stesso Raso che dalla Spagna, dove viveva, svolgeva attività di "brokeraggio nell'ambito della commercializzazione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente, destinati al mercato al dettaglio di numerose regioni italiane. Il volume d'affari
dell'attività risulterebbe pari a diversi milioni di euro e la circolazione dei proventi del traffico sarebbe stata utilizzata attraverso il cosiddetto metodo della 'hawala', un sistema, cioè, informale di trasferimenti di valori.

Raso era stato arrestato una prima volta a Barcellona nell'ottobre 2020. Liberato dalle autorità iberiche e' stato successivamente arrestato, sempre a Barcellona, nel scorso
giugno e ora sono in corso le procedure per l'estradizione per l'Italia.