L'Asl To3 pagherà le spese processuali

L'Asl lo sospende perché non in regola con l'obbligo vaccinale, sanzionata

L'Oss invalido civile impegnato in mansioni amministrative è stato reintegrato perché non a contatto con i pazienti.

L'Asl lo sospende perché non in regola con l'obbligo vaccinale, sanzionata
Regione Piemonte
Quarta dose

L'Asl To3 lo aveva sospeso dal lavoro perché non in regola con l'obbligo vaccinale anti-Covid. L'uomo, un Oss dipendente, invalido civile e portatore di handicap impegnato in sole mansioni amministrative, ha presentato ricorso contro il provvedimento al tribunale di Ivrea, sezione lavoro, che ha dichiarato illegittima la sospensione.

Il giudice, sposando la tesi dei difensori, ha definito ingiustificata la sospensione. "Mancando il rischio specifico che la norma mira a neutralizzare - si legge nella sentenza - è inconfigurabile un obbligo di vaccinarsi a carico del lavoratore, in quanto non svolge le sue mansioni in strutture dedicate all'assistenza e al ricovero dei pazienti e, conseguentemente, non risulta giustificata la sua sospensione dal servizio".

L'uomo è stato riammesso in servizio con l'Asl To3 condannata a pagare le spese legali al dipendente e a riconoscergli quanto avrebbe percepito nel periodo in cui lo stesso è risultato illegittimamente sospeso dal servizio.