Auto elettriche, extra-bonus a chi ha un reddito inferiore a 30 mila euro

Aumenta al 50 per cento il contributo per l’acquisto di veicoli non inquinanti. Sindacati e imprese: "Direzione giusta ma non basta"

Auto elettriche, extra-bonus a chi ha un reddito inferiore a 30 mila euro
web
Un'auto elettrica in ricarica

Il governo prova a riaccendere il mercato delle auto. Lo fa con un Dpcm approvato dal Tesoro e fortemente voluto dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Due le principali novità. La prima è un extra-incentivo del 50 per cento per chi ha un reddito inferiore ai 30 mila euro.  Un extra-bonus che si aggiunge agli incentivi già previsti: per l’acquisto di auto elettriche il bonus è di 3.000 euro senza rottamazione e 5.000 con la rottamazione, per le ibride 2.000 euro senza rottamazione e 4.000 con la rottamazione. Quindi per i redditi sotto i 30.000 euro i contributi che si potranno ottenere sono i seguenti: 7.500 euro per l’acquisto di un’auto elettrica con rottamazione, 4.500 euro per l’acquisto senza rottamazione; 6.000 euro per l’acquisto delle ibride con rottamazione e 3.000 euro per l’acquisto di una ibrida senza rottamazione.

La seconda novità è l'estensione dei bonus anche alle società di noleggio e alle flotte aziendali, che in un primo momento erano rimaste escluse. Le  misure accolgono così le richieste della filiera dell'automotive. Un settore che resta ingolfato: nel primo semestre l'Italia ha fatto registrare una contrazione dell'oltre il 20 per cento di immatricolazioni, mai così male dagli anni '90. Sindacati e imprese, per una volta concordano: "Il governo va nella giusta direzione - dicono - ma gli incentivi da soli non bastano per sostenere la transizione verso l'elettrico".