I soccorritori hanno trovato l'uomo in un dirupo

Incidenti in montagna, morto un torinese di 34 anni

La tragedia in Trentino a 200 metri dal sentiero Bepi Zac, chiuso per manutenzione.

Incidenti in montagna, morto un torinese di 34 anni
Ansa
Un elicottero del Soccorso Alpino

Un uomo di Torino nato nel 1988, Alex Giunta, è morto nella notte in Trentino dopo essere precipitato in un dirupo in un tratto di sentiero senza cordino metallico. Il corpo del trentaquattrenne è stato ritrovato nei pressi della forcella del Ciadin, circa 200 metri più a valle del sentiero attrezzato “Bepi Zac” alle cime di Costabella, a nord del passo San Pellegrino, ad una quota di 2.550 metri. La ferrata Bepi Zac è chiusa per manutenzione. 

L'escursionista era partito dal rifugio Taramelli in val di Fassa ed aveva annunciato che avrebbe percorso il sentiero attrezzato Bepi Zac per raggiungere Cima Uomo. In prossimità della forcella del Ciadin è precipitato. 

Le ricerche sono partite ieri sera intorno alle 21, dopo la denuncia del mancato rientro al 112 ed hanno coinvolto gli operatori della Stazione Centro Fassa che hanno perlustrato la zona della Valle San Nicolò, lungo il versante nord di Costabella, mentre una squadra della Stazione di Moena ha percorso il sentiero Bepi Zac da passo delle Selle e una seconda squadra ha perlustrato la parte a valle tra l'Om Picol e la parete sud di Cima Ciadin e Cima Uomo.

All'una e trenta del mattino i soccorritori hanno trovato il corpo, attirati dalla suoneria del cellulare. Dopo il nulla osta delle autorità competenti, la salma è stata trasportata via terra fino a passo San Pellegrino.

Servizio di Stella Antonucci, montaggio di Sergio Benvenuti