Previsto il controllo delle specie invasive

71.000 avannotti per ripopolare il Po piemontese

Il progetto "Live Minnow" nasce per tutelare la fauna autoctona con specie la cui popolazione risulta ridotta o estinta.

71.000 avannotti per ripopolare il Po piemontese
Ansa
Il Po in Piemonte

Al via un progetto di tutela della flora e della fauna del Po Piemontese. Si chiama “Life Minnow” e prende il nome dal termine “Minnow” con cui si definiscono alcune specie di piccoli pesci d'acqua dolce la cui esistenza è in pericolo per una serie minacce che vanno dal cambiamento climatico, alla "competizione" con specie esotiche, alle alterazioni degli habitat, alle trasformazioni morfologiche dei corsi d'acqua. 

Approvato e finanziato dall'Unione Europea, prevede lungo circa 170 chilometri di corsi d'acqua ed in 9 siti Natura 2000 l'introduzione di circa 71.000 avannotti, sia dove sono presenti le 32 popolazioni residue, sia dove le specie risultano estinte. Contestualmente le specie alloctone saranno messe sotto controllo e ridotte attraverso la realizzazione di diversi interventi effettuati durante gli anni di progetto.

Il progetto è coordinato dall'Università di Torino e ha come partner la Città Metropolitana di Torino, la Provincia di Alessandria, la Provincia di Cuneo, la Provincia di Vercelli, l'Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese, l'Istituto Delta ecologia applicata. La Regione Piemonte come cofinanziatore.

Le azioni di controllo delle specie alloctone riguarderanno il pesce siluro (Silurus glanis), il cobite di stagno orientale (Misgurnus anguillicaudatus), il carassio (Carassius carassius), il gambero della Louisiana (Procambarus clarkii, Abramis brama), il cebaceck (Pseudorasbora parva), il barbo europeo (Barbus barbus) e l'aspio (Aspius aspius). 

L'Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese è coinvolto con 14 siti della Rete Natura 2000 e interventi sui Torrenti Banna, Meletta e Ghiandone, sul Rio Pascolo delle Oche, sulla rete irrigua in corrispondenza della Palude di San Genuario e alla confluenza Po-Sesia.