Il rapporto dell'osservatorio Vega

Alessandria e Asti fra le province col maggior numero di incidenti mortali sul lavoro in Italia

Nel complesso i decessi in Piemonte diminuiscono.

Le province di Alessandria e di Asti sono tra le più colpite dal dramma dei morti sul lavoro. Sono proprio queste due infatti quelli nelle quali si è registrato negli ultimi sette mesi in Italia il maggior numero di incidenti mortali in proporzione agli occupati, con l'unica eccezione di Aosta.

Il dato emerge dal rapporto periodico dell'osservatorio Vega sulla sicurezza sul lavoro, secondo il quale i decessi tra gennaio e luglio sono stati 10 nell'alessandrino e 5 nell'astigiano. Da queste cifre sono esclusi gli incidenti in itinere, cioè quelli avvenuti a persone che si stavano recando sul posto di lavoro. 

In pratica si registrano 58 e 56 casi per milione di occupati. Ad Aosta questo indice vale di più, 75. Ma in tutte le altre 107 province italiane invece è più basso. In questa triste classifica Torino risulta al 65 esimo posto, seguita via via dalle altre province piemontesi.

La buona notizia però è che complessivamente le morti sul lavoro in Piemonte stanno diminuendo. Nei sette mesi sono stati nella nostra regione 31, contro i 40 del periodo corrispondente dell'ultimo anno pre-pandemia, il 2019, sempre a esclusione degli infortuni in itinere. In Piemonte si è registrato il 7,5% del totale delle morti sul lavoro in Italia, sostanzialmente in linea con le proporzioni della popolazione. 17,5 i casi per milione di occupati. Un dato al di sotto della media nazionale, che è pari a 18,3.