Ogni giorno 16 aziende giovani in più in agricoltura

Ismea a Terra Madre, ma in ultimo quinquennio crescita 0,4%

Ogni giorno 16 aziende giovani in più in agricoltura
Ansa
ANSA

Aumentano le imprese dei giovani agricoltori, ma non sono ancora abbastanza. 

A Terra Madre è stata presentata una ricerca sui giovani in agricoltura dell'ISMEA, l'istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare.

Ogni anno il numero delle aziende agricole create da giovani sotto i 35 anni in Italia cresce in media di 6.000 unità, considerando il saldo tra le nuove realtà, in 21 al giorno, e le cessazioni, 5. Ma sono ancora troppo poche per un settore che si sta rinnovando nel segno della digitalizzazione e della multifunzionalità. E a mettere un freno resta l'abbandono delle aree rurali da parte dei giovani nel loro insieme: negli ultimi 10 anni la presenza si è quasi dimezzata. 

E quanto emerge dall'analisi Ismea presentata oggi a Terra Madre Salone del Gusto, a Torino. A fine 2021 le imprese agricole condotte da giovani erano 56.172, con una crescita dello 0,4% all'anno negli ultimi 5 anni. L'analisi Ismea evidenzia che le aziende condotte da giovani presentano un grado maggiore competitività, produttività, propensione all'innovazione e orientamento al mercato. Mediamente i giovani hanno un grado formazione superiore (49,7% dei capi azienda giovani ha un diploma di scuola superiore, il 19,4% una laurea), le aziende da loro condotte sono più grandi (18,3 ettari di SAU per azienda contro 10,7), più orientate al mercato. Inoltre il loro livello di digitalizzazione è il doppio dell'agricoltura nel complesso, così come più elevata risulta la propensione all'innovazione: il 24,4% dei giovani ha realizzato almeno un investimento innovativo nel triennio 2018-2020, a fronte del 9,7% dei non giovani.