Riaprono le anagrafi in periferia, Barriera di Milano e Falchera

Da lunedi 12 settembre aperte di nuovo al pubblico le anagrafi decentrate dei quartieri a nord di Torino. Saranno accessibili due giorni a settimana e prenotabioi tramie l'anagrafe itinerante. Ad annunciarlo il sindaco di Torino Stefano Lo Russo

Riaprono le anagrafi in periferia, Barriera di Milano e Falchera
Ansa
Un automezzo dell'anagrafe itinerante del Comune di Torino sosta in piazza Castello,

Si riparte dalle periferie. Dalla Falchera e da Barriera di Milano. Un primo passo verso la riapertura delle anagrafi decentrate, uno degli obiettivi annunciati già in campagna elettorale, ormai un anno fa, dal sindaco di Torino Stefano Lo Russo e che ora inzia a farsi concreta.
I due uffici potranno accogliere di nuovo il pubblico a partire dal 12 settembre, dalle 9 alle 15, il lunedì e martedì quello di piazza Astengo 7  e il mercoledì e giovedì quello di via Leoncavallo 17. Un tasto dolente quello della enorme mole di pratiche accumulate nell'anagrafe centrale, espresso nelle immagini di lunghe code di cittadini spazientiti e sfiniti da attese estenuanti.

Le due anagrafi furono chiuse nel 2020 a causa della carenza di personale. Le prenotazioni non saranno aperte a tutta la città ma solo ai residenti dei due quartieri tramite il servizio dell'anagrafe itinerante già attivo.
" L'obiettivo  - ha annunciato il sindaco stefano lo russo - è arrivare a una situazione di normalità, considerando che la  mole di arretrati è passata da 34 mila a 14 mila carte d'identità"

Restano ancora chiuse le sedi di via De Sanctis e di corso Spezia, oltre agli sportelli di corso Moncalieri. Da ottobre sarà inoltre possibile svolgere alcune pratiche, come cambio di residenza e indirizzo, presso i caf convenzionati.