L'alternativa è la chiusura

Gli albergatori del Vco chiedono lo sblocco del fotovoltaico

Federalberghi denuncia lentezze burocratiche e vincoli all'installazione dei pannelli: "Nonostante le presenze arriveremo a fine ottobre".

Gli albergatori del Vco chiedono lo sblocco del fotovoltaico
Ansa
-

Gli albergatori del Verbano Cusio Ossola riflettono sull'opportunità di tenere aperte le loro strutture anche nei mesi autunnali ed invernali a causa del caro-bollette. Le presenze turistiche sul lago Maggiore sono tornate ai livelli pre-pandemia se non addirittura superiori ma questo potrebbe non bastare. C'è il nodo dei pannelli fotovoltaici. Molti gestori vorrebbero investire nella loro installazione ma sono impossibilitati a farlo a causa della burocrazia.

Federalberghi VCO si dichiara preoccupata dalla lentezza nel trovare le soluzioni alla crisi energetica: "La stragrande maggioranza delle nostre strutture ha più di cinquant'anni e si trova nei centri storici - dice il presidente Gian Maria Vincenzi -. Molti proprietari vorrebbero intervenire e posare pannelli fotovoltaici sui tetti degli alberghi, ma non possono farlo per i vincoli posti dalla Soprintendenza". 

C'è poi la questione che riguarda le mancate autorizzazioni ad avviare i nuovi impianti fotovoltaici: "Ce ne sono di pronti e fermi da un anno - aggiunge Vincenzi -. Non possono partire perché manca il nullaosta dell'Agenzia delle Dogane, una autorizzazione indispensabile per tutti gli impianti superiori a 20 kW ma che non arriva" .

La domanda dei turisti, invece, è ottima: " Per il solo mese di ottobre e le sole strutture a lago, abbiamo ricevuto un milione di richieste di disponibilità: un dato eccezionale. Abbiamo imprenditori che stanno registrando un aumento del fatturato fino al 30% rispetto al 2019. Ciononostante, visti i rincari sul fronte energetico le risorse sono sufficienti soltanto per arrivare a fine ottobre. Poi si apre un grande punto interrogativo: se ci sarà bisogno di riscaldare parecchio, qualcuno sicuramente sarà obbligato a tener chiuso l'albergo o a chiudere alcune aree, come quelle delle spa e dei centri benessere dove l'acqua dev'essere mantenuta ad alte temperature".