La Giornata nazionale del Cane Guida

Ipovedenti, "i cani sono i nostri occhi"

A Torino l'evento in Piazza Castello. Obiettivo: avviare un Campagna Nazionale per abbattere le discriminazioni che impediscono l'accesso a persone ipovedenti negli esercizi pubblici, hotel, mezzi di trasporto.

L'ultimo episodio a Napoli, dove uno studente non ha potuto seguire la lezione in aula con il suo cane guida. Ma ci sono discriminazioni un po' in tutta Italia, è la denuncia dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti che a Torino ha celebrato la Giornata Nazionale del Cane Guida.

In programma una passeggiata-raduno per sensibilizzare i cittadini sulla legge del 1974 che sancisce il diritto del cieco ad accedere liberamente in qualsiasi luogo pubblico o mezzo di trasporto in compagnia del suo cane guida.

I cani guida sono addestrati per condurre in sicurezza il proprio umano senza arrecare danno ad altre persone, spiegano dall'Unione Nazionale dei Ciechi e degli Ipovedenti.

Tuttavia, a 40 anni dall'entrata in vigore della legge, ci sono ancora troppi episodi di discriminazione, è la denuncia che arriva da Torino. 

Per questo l'obiettivo è di dare vita a una Campagna Nazionale su questo tema.

L'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti è la maggiore associazione italiana impegnata nella rappresentanza e tutela degli interessi morali e materiale.

Riunisce quasi due milioni di persone, 36 mila ciechi e oltre 1,5 milioni di ipovedenti. 

Immagini di Luciano Gallian, montaggio di Paolo Monchieri