Calcio d'inizio alle 18.45

La Juventus ad Haifa per un unico risultato, la vittoria

In Israele i bianconeri cercano i tre punti necessari per continuare l'inseguimento agli ottavi di Champions.

La Juventus ad Haifa per un unico risultato, la vittoria
TgR
Massimiliano Allegri

“Io la cosa che ho chiesto ai ragazzi, va bene, e su questo siamo tutti d'accordo, è di essere più compatti e di eliminare quegli errori che facciamo durante la partita, che sono errori che una squadra che punta a vincere non deve fare”. 

Massimiliano Allegri suona la carica. Il momento della verità per la Juventus è arrivato. Sul campo del Maccabi Haifa, i bianconeri cercheranno la vittoria scacciacrisi. Per continuare la corsa qualificazione agli ottavi di Champions, per dimenticare l'insufficiente avvio di campionato, per tornare almeno per una sera ad essere la Juve, ad un mese dallo stop alle attività per il Mondiale in Qatar. Gli israeliani biancoverdi, nonostante lo zero in classifica nelle prime tre partite del girone, non sono avversari da prendere sottogamba. Niente esperimenti quindi per Max Allegri, a partire dalla coppia d'attacco: Di Maria torna dopo lo stop per squalifica contro il Milan. All'andata El Fideo diede sfoggio della sua classe offrendo i tre assist per i gol. Al suo fianco toccherà a Dusan Vhlaovic con Arek Milik che partirà dalla panchina. A centrocampo dovrebbe essere il turno di Paredes con Rabiot e Kostic. In difesa spazio a Danilo e Bremer. Ma al di là dell'undici titolare, per Allegri sarà fondamentale l'atteggiamento: “Noi bisogna andare in campo e fare il massimo di quello che bisogna fare, sotto tutti i punti di vista, sotto l'aspetto della compattezza, sotto l'aspetto della voglia di fare, di lottare su ogni pallone, le cose basilari che servono per giocare una partita di calcio