A Salbertrand (To)

Migranti nascosti nei rimorchi dei tir in Val di Susa, arrestato passeur

L'operazione sulla Torino-Bardonecchia. La Polizia di Stato ha bloccato un cittadino afghano accusato di favoreggiamento dell'immigrazione illegale. Estranei gli autisti dei mezzi convolti

Migranti nascosti nei rimorchi dei tir in Val di Susa, arrestato passeur
Polizia di Stato
Un passeur è stato arrestato dalla polizia a Salbertrand

Sono arrivati alla stazione di Salbertrand (Torino). Poi sono stati nascosti temporaneamente nella vicina boscaglia. E, giunto il momento più propizio, caricati a bordo dei rimorchi dei camion in sosta nell'area di servizio “Gran Bosco” dell’autostrada Torino-Bardonecchia, direzione Francia. E' lì che è intervenuta la Polizia di Stato. Che ha arrestato un cittadino di origini afghane accusato di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione irregolare. 

Gli agenti sono così riusciti a rintracciare sei cittadini stranieri che erano già stati rinchiusi all’interno del mezzo. E altri 9 nelle immediate vicinanze e in attesa di salire a bordo all'insaputa degli autisti, risultati estranei alla vicenda.

Le 15 persone sono state condotte presso i locali della Polizia di Frontiera di Bardonecchia per le attività di identificazione e assistenza.

Il presunto passeur è stato invece accompagnato alla casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino.

L’episodio, a distanza di un anno da un analogo fatto in cui è stato arrestato un cittadino iracheno, conferma l’area confinaria della provincia di Torino quale punto nevralgico di transito dei flussi migratori diretti verso la Francia. 

Il bilancio dell’Ufficio di Frontiera di Bardonecchia - Da quando, a giugno del 2021, è stato istituito l’Ufficio di Frontiera di Bardonecchia, sono stati gestiti quasi 15mila respinti, 781 stranieri irregolari sul territorio nazionale sono stati riammessi verso la Francia, 200 persone denunciate e 168 arrestate, molte delle quali per possesso di documenti falsi.