A Saint Quentin en Yvelines, nella zona di Parigi

Al via in Francia i Mondiali di ciclismo su pista

Filippo Ganna cerca altri successi nell'inseguimento dopo la conquista del recor dell'ora. In pista per l'oro nell'Omnium Elisa Balsamo.

Filippo Ganna torna in sella a pochi giorni dallo straordinario record dell'ora conquistato sull'ovale di Grenchen. Il campione di Vignone è uno degli azzurri convocati per i Mondiali di ciclismo su pista al via oggi in Francia, al velodromo di Saint Quentin en Yvelines, nella regione dell'Ile de France. Top Ganna cercherà di confermare l'iride nell'inseguimento a squadre conquistato lo scorso anno a Roubaix, primo turno di qualificazione nel pomeriggio, e, perché no, di conquistare il suo quinto titolo nell'inseguimento individuale, venerdì le qualifiche e l'eventuale finale, dopo il terzo posto di un anno fa dietro il compagno di squadra Jonathan Milan, argento alle spalle dello statunitense Asthon Lambie. Venerdì sarà il giorno del debutto anche per Elisa Balsamo, chiamata a difendere e migliorare il bronzo conquistato 12 mesi fa nell'Omnium, gara vinta dalla britannica Katie Archibald davanti alla belga Lotte Kopecky. Il mondiale della cuneese inizierà venerdì.

Il Mondiale, che si concluderà domenica, è ospitato dal velodromo usato dalla nazionale francese per i suoi allenamenti. Restituito al ciclismo dopo aver ospitato nei mesi scorsi uno degli hub vaccinali della regione di Parigi, nel 2024 in occasione delle Olimpiadi accoglierà le gare del ciclismo su pista. Una prova generale a due anni dall'accensione del tripode, quindi, nella speranza che i due pezzi da 90 piemontesi, Filippo Ganna ed Elisa Balsamo, possano esprimersi al meglio e trovare buone sensazioni sul legno francese per iniziare a lavorare all'appuntamento più atteso, quello a cinque cerchi.