Cambiamento climatico

È l'ottobre più caldo di sempre in Piemonte e in Italia

Il Piemonte è la regione che nell'ultimo anno sta facendo registrare la peggiore combinazione tra alte temperature e poche piogge. Per il freddo bisognerà aspettare almeno il 3-4 novembre

È l'ottobre più caldo di sempre in Piemonte e in Italia
Tgr Piemonte
Andrea Vuolo di Rai Meteo, ospite di Buogiorno Regione

Il Piemonte è la regione d’Italia che nell'ultimo anno sta facendo registrare la peggiore combinazione tra le alte temperature e le poche piogge. La causa principale di queste condizioni meteorologiche così anomale è da attribuire alla posizione che hanno assunto i due campi di alta pressione sul Mediterraneo e sull'Oceano Atlantico, ovvero l’anticiclone delle Azzorre e quello subtropicale, i quali hanno molto spesso impedito alle perturbazioni atlantiche di raggiungere il Piemonte e le Alpi. Oltre alle poche precipitazioni dello scorso inverno, sono mancati gli importanti apporti di pioggia e neve nei mesi primaverili, unite poi alla seconda estate più calda di sempre in Piemonte dopo quella del 2003, addirittura la più calda in assoluto sul capoluogo.

Adesso anche questa prima parte di autunno sta facendo registrare anomalie termiche davvero importanti e con pochi precedenti: il mese di ottobre, ad ora, è il più caldo di sempre in Italia e su gran parte del Piemonte, con una marcata anomalia di temperatura di circa 4°C rispetto al già caldissimo trentennio 1991-2020. E dai dati di ISAC-CNR, dal 1800, non si era mai registrato un periodo di dieci mesi così caldo, in Piemonte, come quello compreso tra il dicembre 2021 e il settembre 2022, con un’anomalia di oltre 2°C rispetto alla media. E a Torino città, con circa 250 millimetri da inizio anno, non era mai caduta così poca pioggia come in questi primi dieci mesi, con un deficit pluviometrico che si aggira addirittura intorno al 65-70% nelle province di Torino, Cuneo, Asti e Alessandria.

Purtroppo le prospettive a medio termine non sono positive sul fronte pioggia: almeno fino ai primi giorni di novembre, l’anticiclone subtropicale interesserà il Piemonte con temperature ancora superiori alle medie del periodo, fino a 21-24°C in pianura e con uno zero termico che sfiorerà addirittura i quattromila metri sulle Alpi, valori pressoché estivi e purtroppo anche con una pessima qualità dell’aria nelle aree urbane a causa dell’inversione termica e delle nebbie che insisteranno, nelle ore più fredde, in pianura.

Per un primo radicale cambiamento di scenario bisognerà probabilmente attendere il 3-4 novembre, quando sembrerebbe possibile un calo delle temperature su valori più autunnali e il ritorno di un po’ di pioggia in pianura e di neve in alta montagna.