Intervento del Soccorso Alpino

Salvataggio nella notte in Valchiusella

Un uomo a causa di una caduta a 2400 metri ha riportato un grave trauma cranico. Per il salvataggio impiegate 15 persone, un medico e due infermieri.

Salvataggio nella notte in Valchiusella
TGR
Un momento del salvataggio

Operazione di soccorso complessa dei tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese nella notte in Valchiusella, in provincia di Torino. 

La chiamata di emergenza è stata lanciata martedì sera alle 19 da un escursionista il cui compagno era caduto riportando un grave trauma cranico facciale nella zona dell'Alpe degli Orti, a quota 2400 metri al fondo di un vallone isolato e impervio. L'orario e le condizioni meteorologiche non consentivano un recupero aereo così le squadre di soccorso sono partite a piedi, dalla frazione Fondo. In totale hanno operato quindici persone, un medico e due infermieri per le successive dodici ore.

Una prima squadra ha raggiunto l'infortunato intorno alle 22.30, circa mezz'ora dopo è giunta una seconda squadra di cui facevano parte due infermieri. Il paziente era cosciente ma in condizioni gravi, con sintomi d'ipotermia per cui è stato stabilizzato tramite immobilizzazione spinale e imbarellato. Quindi è cominciata la discesa a valle con le corde. Il medico arrivato sul posto ha dovuto rianimare l'uomo che è andato in arresto cardiaco. Grazie a un particolare ecografo collegato ad uno smartphone ne ha potuto valutare le condizioni durante tutto il salvataggio. 

L'escursionista è stato stato trasportato in ospedale all'arrivo, intorno alle 6,30 del mattino. 

GUARDA LE IMMAGINI DEL SALVATAGGIO