Presidio davanti al Palagiustizia

Tre cause di ciclofattorini a Torino contro Glovo

Due delle cause riguardano, in particolare, il riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato. I tre rider sono iscritti al sindacato.

Tre cause di ciclofattorini a Torino contro Glovo
Tgr Piemonte
Il presidio dei rider davanti al Palagiustizia

La multinazionale Glovo è stata chiamata in giudizio a Torino da tre ciclofattorini che rivendicano delle "più giuste condizioni di lavoro". Davanti al Palazzo di Giustizia si è radunato un presidio di rider, delegati sindacali rappresentanti Nidil, Filt e Cgil. Due delle cause riguardano, in particolare, il riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato. I tre ciclofattorini sono iscritti al sindacato.

"Che non si tratti di una semplice collaborazione ma di un rapporto di lavoro subordinato - spiega Danilo Bonucci, segretario generale di Nidil Cgil Torino - lo dimostrano le modalità con cui l'azienda utilizza l'algoritmo per organizzare il servizio".