A Torino l'11esima edizione di Una Mole di Panettoni

È piemontese doc di Santena il re del Natale

La manifestazione dolciaria porta in città i migliori maestri pasticceri d'Italia

È piemontese doc di Santena il re del Natale
Tgr
Il primo classificato nella categoria panettone tradizionale scuola piemontese, Sergio Scovazzo di Santena

Il lievito madre è l'ingrediente principale dei 35 maestri fornai e pasticceri che si sono sfidati all'ombra della Mole a colpi di panettoni creativi e tradizionali, lombardi e piemontesi, nell'11esima edizione di Una Mole di Panettoni.

Una gara a tutti gli effetti. A decidere i primi tre posti nelle tre categorie - scuola piemontese (bassi con la glassa), scuola milanese (alti senza glassa) e creativi - una giuria composta da cinque giudici e un uditore, presidente dell'associazione di categoria locale: Andrea Maffia (tecnico), Massimiliano Prete, Evi Pogliotto (chef gruppo Gerla), Giovanni dell'Agnese (pasticcere), Leo Rieser (Repubblica/Slow Food), Mario Arculeo (pasticcere in concorso e uditore).

Ce n'è per tutti i gusti, da quello salato calabrese con il peperoncino a quello casertano dedicato alle donne, tutto rosa grazie agli ingredienti, fino a quello lombardo più digeribile.

E se i maestri pasticceri vengono da tutta Italia, il primo classificato della categoria tradizionale piemontese è made in Santena, realizzato rigorosamente con farine e prodotti a chilometro zero da Sergio Scovazzo, già vincitore del Primo premio Colomba Creativa. Secondo e terzo classificato il forno lucano da Atella in provincia di Potenza con Vito Galasso e il forno marchigiano di Fermo con Maria Cardenà.

Per la categoria dedicata al panettone milanese classico, il primo classificato è il lombardo Roberto Moreschi, il secondo Fiorenzo Ascolese e il terzo il forno friulano di Alessandro Rizzo. Infine, per la categoria panettone creativo, al primo posto sempre il forno lombardo di Roberto Moreschi, al secondo posto il molisano Angelo Ricci, al terzo posto il forno piemontese di Angela di Lillo.

I partecipanti di Una Mole di Panettoni sono un campione ristretto, ma significativo, del mercato della produzione artigianale italiana. Secondo le stime di Union Italian Food, per l'Italia solo nel 2022 il mercato di panettoni e pandori è valso oltre 700 milioni di euro di fatturato, per un totale di quasi 100mila tonnellate di dolci natalizi prodotti. In questo scenario, rispetto al totale, le produzioni artigianali valevano circa un settimo, per una cifra pari a 100 milioni di euro, registrando nel 2022 una crescita di oltre il 10% in un anno, trainata - nonostante le origini nordiche dei dolci natalizi - soprattutto dal Sud e a discapito a delle produzioni industriali.