Parte una nuova stagione

Cus Torino, al via l'anno accademico sportivo con vista Universiadi

Un'occasione per ribadire il modello vincente del Cus: coniugare l'attenzione al merito sportivo con il sostegno formativo di atleti ed atlete.

L'appuntamento è quello delle Universiadi di Torino, in programma dal 13 al 23 gennaio 2025. E' l'orizzonte a cui guarda il Cus Torino che, ospite del Politecnico, ha dato il via al nuovo anno accademico sportivo. Un'occasione per ribadire il suo modello: coniugare l'attenzione al merito sportivo con il sostegno formativo di atleti ed atlete. Per creare giovani che possano inseguire successi sia nello sport sia nella loro vita lavorativa futura. Un supporto che può passare anche attraverso un aiuto economico.

La preparazione accademica ha risvolti positivi anche nell'attività sportiva. E' il caso della squadra di Rugby, da quest'anno nella massima serie della palla ovale.

Premiata nel corso dell'inaugurazione la TgR Piemonte per la sua attività nel racconto dello sport sul territorio, insieme ad atleti distintisi per meriti sportivi. Tra loro la campionessa italiana juniores nell'asta e nei 60 e 100 metri piani Great Nnachi, di origine nigeriana, nata e cresciuta a torino e che ora, a 18 anni, potrà indossare la maglia azzurra dopo aver ottenuto la cittadinanza.

Storie di sport, di formazione, di vita, il vero tesoro del CUS Torino.

Servizio di Maghdi Abo Abia, immagini di Luciano Gallian, montaggio di Beppe Serra. Intervista a Riccardo D'Elicio, presidente del Cus Torino, Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino, Great Nnachi, atleta.