La D.I.A. voluta da Giovanni Falcone compie 30 anni

L'ombra della 'ndrangheta sulla società, dall'economia ai traffici illeciti alla politica

La nostra intervista al capo centro della Direzione Investigativa Antimafia di Torino

E' un'ombra sul mondo sano la 'ndrangheta che allunga le mani dove riesce. Dall'economia ai traffici illeciti passando per la politica. Chi la contrasta lotta ogni giorno per scovarne i tentacoli nella società diventata più vulnerabile in tempi di crisi.

"Sono i settori classici dell'edilizia, i settori dei servizi funerari, i settori sanitari e comunque tutti quei settori che potranno essere interessati nel prossimo futuro a ricevere i fondi del Pnrr, il piano di resilienza nazionale."

Minotauro, Carminius-Fenice, Platinum sono solo alcuni dei grandi processi.

"Qui la 'ndrangheta è presente ... non c'è porzione del nostro territorio in cui non esistono collegamenti."

Ma in Piemonte non preoccupa solo la 'ndrangheta. Nel tempo si sono radicate anche le mafie straniere.

"Rumene, albanesi, nigeriane… Appunto proprio per quanto riguarda la mafia nigeriana, il tribunale di Torino proprio qualche anno fa si è espresso in maniera favorevole, quindi ha riconosciuto il 416 bis in capo a un'organizzazione criminale di matrice nigeriana."

Fondamentale mantenere alta l'attenzione, sempre. La Direzione Investigativa Antimafia ha due anime, una investigativa coordinata dalla Procura e l'altra preventiva.

"Dialoga con le prefetture del distretto, il mondo degli appalti, il mondo del monitoraggio dei cantieri, e poi si cerca come ultima analisi di aggredire i patrimoni che si ritengono illecitamente accumulati da parte delle organizzazioni criminali."

Quest'anno l'organo interforze nato da un'intuizione di Giovanni Falcone compie 30 anni. Un percorso di convegni tematici per celebrare la ricorrenza ha coinvolto soprattutto gli studenti.

"Che sono stati molti attivi nel messaggio che si è voluto lanciare, quello appunto della legalità." 
 
Nel servizio l'intervista a Nicola Alberto Somma, capo centro Direzione Investigativa Antimafia di Torino 

GUARDA L'INTERVISTA INTEGRALE