Tribunale di Torino

Casa cantoniera di Oulx, proscioglimento per tutti gli antagonisti

"Particolare tenuità del fatto": anarchici e altri gruppi di estrema sinistra avevano occupato la struttura per assistere i migranti diretti in Francia. Per alcuni locali della parrocchia di Claviere, invece, mancava la querela di parte

Casa cantoniera di Oulx, proscioglimento per tutti gli antagonisti
Ansa
'Chez Jesoulx', come anarchici italiani e francesi hanno ribattezzato la casa cantoniera di Oulx, sgomberata il 23 marzo 2021.

E' finito con il proscioglimento di tutti i 19 imputati a Torino il processo per il caso degli edifici occupati in Alta Valle di Susa da gruppi di anarchici e antagonisti, nel 2018, per prestare assistenza e soccorso ai migranti diretti verso la Francia. Per la casa cantoniera di Oulx il tribunale ha sancito la "tenuità del fatto". Per i locali di pertinenza di una parrocchia a Claviere ha stabilito il non luogo a procedere per mancanza di querela. La Procura aveva chiesto 19 condanne riconoscendo però, come attenuante, che si era trattato di una azione per scopi umanitari.

Il commento dell'avvocato

"Siamo soddisfatti parzialmente - è il commento di uno dei difensori, l'avvocato Danilo Ghia - perché, alla luce di quanto ha dimostrato il processo, bisognava arrivare a una assoluzione per 'stato di necessità', in quanto gli imputati agirono per salvare la vita a delle persone".