Firmata a Milano

Intesa tra le camere di commercio di Alessandria e Asti e della Cina in Italia

"Con l'accordo inizia un concreto avvicinamento tra l'economia delle due province e quella cinese"

Intesa tra le camere di commercio di Alessandria e Asti e della Cina in Italia
Tgr Piemonte
Una delle sedi della Camera di commercio di Alessandria Asti

E' stato siglato a Milano un protocollo di intesa fra la Camera di commercio di Alessandria-Asti e la Camera di commercio cinese in Italia, organo riconosciuto dal Ministero dello Sviluppo economico. L'occasione è stata il forum "Le relazioni sino-italiane e la cooperazione economica e commerciale nella nuova situazione", cui ha partecipato il sindaco di Asti, Maurizio Rasero, insieme alla presidente della Cccit, Yan Lan, il console generale della Repubblica Popolare Cinese a Milano, Liu Kan, e molti imprenditori dei due Paesi. La Camera di commercio astigiana e alessandrina era rappresentata dal vicepresidente, Renato Goria: “Con l'accordo - ha dichiarato - di fatto c'è un primo avvicinamento concreto, al di là dell'interscambio già esistente tra Cina e Italia, per progetti strategici che interessano da vicino i nostri territori e quelli della seconda economia mondiale per fare sinergia. L'accordo vuole anche essere un punto di ripartenza dei rapporti con la Cina dopo il Covid”.

Spiega la segretaria generale della Camcom di Alessandria e Asti Roberta Panzeri: “Si tratta di un accordo generale di collaborazione e cooperazione per lo sviluppo di iniziative comuni e lo scambio informazioni. Esistono già da tempo contatti sul territorio astigiano con i referenti del Consolato cinese; con questo accordo si vuol dare loro una  struttura. In una prima fase vogliamo raccogliere informazioni per capire le potenzialità sul fronte economico per la crescita e lo sviluppo dei territori di Alessandria e di Asti”.