Cerano (No)

Il cadavere carbonizzato nel Novarese è del pensionato disperso

Trovato il corpo di Mario Bandi nella palazzina andata a fuoco nei giorni scorsi. E' da chiarire cosa facesse in piena notte nel magazzino

Il cadavere carbonizzato nel Novarese è del pensionato disperso
web
Vigili del Fuoco

I resti umani bruciati ritrovati la settimana scorsa a Cerano, nel novarese, sotto le macerie di una palazzina andata in fumo nei giorni precedenti sono di Mario Bandi, il pensionato 87enne che mancava da casa proprio dalla notte in cui un incendio ha distrutto la costruzione. Lo ha stabilito l'autopsia eseguita a Novara. L'esame autoptico, oltre a stabilire al di là di ogni ragionevole dubbio l'identità del cadavere, ha detto qualcosa sulla dinamica della morte. Il corpo presentava tracce di fumo nei polmoni, quindi il decesso e' sopraggiunto dopo lo scoppio del rogo: è esclusa, secondo i sanitari, quindi l'ipotesi che l'uomo sia morto altrove e che qualcuno lo abbia successivamente trasportato dove è stato ritrovato dai Carabinieri e dai Vigili del Fuoco. Il corpo presentava anche alcune fratture provocate con ogni probabilità dall'impatto con parti di muratura e travi crollate a causa dell'incendio. Resta però da comprendere perché l'uomo si trovasse in piena notte in quel magazzino.