A Torino tre nuovi commendatori, tre ufficiali e dodici cavalieri

Le 18 onoreficenze al merito della Repubblica Italiana

Il prefetto Raffaele Ruberto ha evidenziato l'importanza dei riconoscimenti conferiti, sottolineandone la valenza simbolica

Le 18 onoreficenze al merito della Repubblica Italiana
Tgr Piemonte
Un dettaglio di Palazzo dell'Arsenale a Torino

Si è tenuta nell'Aula Magna della sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell'Esercito, a Torino, la cerimonia perla consegna dei diplomi delle onorificenze dell'Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana" (Omri), conferite dal Presidente della Repubblica a 18 cittadini della provincia che si sono distinti per il loro impegno professionale e sociale e che, con la loro condotta di vita, si sono resi particolarmente benemeriti nei confronti della Repubblica. Nell'intervento di saluto, il prefetto Raffaele Ruberto ha evidenziato l'importanza dei riconoscimenti conferiti, sottolineandone la valenza simbolica. Alla cerimonia hanno partecipato autorità civili e militari della provincia e anche i sindaci dei comuni di residenza degli insigniti.

I tre Commendatori sono Sandro Ausiello, Bartolomeo Maria Marino e Marco Ruffino, mentre i tre Ufficiali sono Massimo Donghi, Guido Sartorelli e Luigi Vinciguerra. Di seguito, infine, i dodici Cavalieri: Antonio Angiolino, Ezio Camandona, Maurizio Cintura, Giuseppe Cozza, Vittorio Guerci, Pietro Imparato, Rosanna Lavezzaro, Giuseppe Lazzarotto, Francesco Marini, Antonio Rinaudo, Michele Sforza, Alfredo Valle