"Una proposta sconsiderata, pronti alla mobilitazione"

Nucleare, i sindaci dell'alessandrino contro ll deposito di scorie

I primi cittadini delle aree identificate da Sogin chiedono un incontro con il ministro Pichetto Fratin per parlare del progetto d'installazione

Nucleare, i sindaci dell'alessandrino contro ll deposito di scorie
TgR
L'area del deposito individuata da Sogin

I sindaci della provincia di Alessandria hanno scritto al Ministro per l'Ambiente e Sicurezza energetica, il piemontese Gilberto Pichetto Fratin per chiedere un incontro a proposito della potenziale localizzazione del deposito nucleare nazionale. 

La lettera è firmata dai sindaci di Alessandria, Bosco Marengo, Castelletto Monferrato, Castelnuovo Bormida, Frugarolo, Fubine Monferrato, Oviglio, Quargnento, Sezzadio, con la Provincia. 

"Abbiamo voluto - spiega Gianluca Colletti, primo cittadino di Castelletto - ricordare quanto abbiano già dato in termini di pressione ambientale. I nostri luoghi, che hanno vissuto nel '900 le diverse fasi dell'industrializzazione, hanno subito pesanti ricadute negative con costose e impegnative bonifiche". Senza dimenticare criticità idrogeologiche e molte aree a rischio, "per le quali sono urgenti interventi di difesa e messa in sicurezza prima di pensare a qualsiasi infrastruttura impattante". 

Così agricoltura, zootecnia e selvicoltura, con prodotti Dop e Igp. Alcuni Comuni, poi, sono dal 2014 Patrimonio mondiale Unesco nei Paesaggi vitivinicoli Langhe-Roero-Monferrato. "Le nostre sono posizioni tecniche e non ideologiche, controdeduzioni che - conclude Colletti - non sono state, a nostro avviso, approfondite adeguatamente da Sogin. Speriamo di incontrare il prima possibile il ministro per confrontarci e liberarci, una volta per tutte, di questa sconsiderata proposta di installazione del Deposito Nazionale di scorie nucleari. Senza adeguate risposte, organizzeremo una grande mobilitazione di piazza".