La Juve volta pagina. Finisce l'era Agnelli, oggi il nuovo Consiglio d'Amministrazione

Al vertice della società subentra Gianluca Ferrero. Il 27 marzo l'udienza preliminare per l'inchiestra "Prisma" sui conti del club

La Juve volta pagina. Finisce l'era Agnelli, oggi il nuovo Consiglio d'Amministrazione
Ansa
Andrea Agnelli

La Juve volta pagina: al termine dell'assemblea dei soci in programma oggi allo Stadium, si insedierà ufficialmente il nuovo Consiglio d'Amministrazione. E' la fine dell'era Agnelli, al cui posto al vertice subentra Gianluca Ferrero chiamato nel difficile compito di guidare la società in un momento non facile per i bianconeri, coinvolti nell'inchiesta Prisma sui conti. L'udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 27 marzo.

Andrea Agnelli, al timone per 13 anni - Il 17 gennaio 2023 verrà ricordato come l'ultimo giorno dopo quasi 13 anni alla presidenza del club di Andrea Agnelli. Una data storica come il 19 maggio 2010, il giorno che rappresentò l'alba dell'era più vincente della storia bianconera con l'insediamento di Agnelli, quella dei 9 scudetti consecutivi e di tanti altri trofei, finita per le inchieste sui bilanci. Tra social e sito ufficiale, la società continua a salutare il numero uno che è stato in grado di mettere in bacheca 19 trofei, con la Champions League sfiorata in due occasioni, nelle finali di Berlino e Cardiff. 

I record di Agnelli - I nove scudetti di fila, i 102 punti conquistati nel 2013/2014, le zero sconfitte nel 2011/2012. E ancora i traguardi raggiunti nel calcio femminile e le inaugurazioni di Continassa e Allianz Stadium. La Juve saluta anche gli ormai ex vice-presidente Nedved e amministratore delegato Arrivabene. "Pavel ha dato tutto per la Juve prima da calciatore e poi da dirigente, Maurizio ha messo a disposizione esperienza e competenza con uno sguardo sempre volto al futuro: a entrambi va il ringraziamento di Juventus per il lavoro svolto e la passione messa giorno dopo giorno nell'affrontare le sfide quotidiane", il saluto riservato dal club a due figure fondamentali del cda bianconero.

La nuova era - Si riparte: dal presidente Gianluca Ferrero all'attuale dg Maurizio Scanavino, oltre a Diego Pistone, Laura Cappiello e Vittoria Negri. Saranno loro a dover costruire la nuova Juve, oltre a dover difendere il club sul fronte giudiziario tra inchieste e rischio di pesanti ripercussioni sul piano sportivo ed economico. 

Sul campo - Intanto, sul campo prosegue la preparazione in vista del prossimo appuntamento. Massimiliano Allegri vuole archiviare la batosta di Napoli e ripartire subito, con la coppa Italia che si sta trasformando sempre più in obiettivo concreto per salvare la stagione, anche le la Juventus guarda con speranze anche all'Europa League.
Giovedì allo Stadium arriverà il Monza, squadra capace di fare molto male alla Juventus come capitato lo scorso 18 settembre con  un 1-0.