TORINO

Attivisti per il clima morti in montagna, il Politecnico li celebra con una laurea

Gabriele Del Carlo e Velio Coviello furono travolti da una valanga in Valle d'Aosta nell'aprile 2023. Il loro ateneo li ricorda conferendo la laurea e un attestato di stima

Attivisti per il clima morti in montagna, il Politecnico li celebra con una laurea
tgr
Velio Coviello e Gabriele Del Carlo

Il Politecnico di Torino celebra e ricorda i due attivisti per il clima, Gabriele Del Carlo e Velio Coviello, morti sotto una valanga in Valle d'Aosta il primo aprile 2023. Il primo nell'ateneo di corso Duca degli Abruzzi aveva studiato, mentre il secondo continuava a collaborarvi come ricercatore.

Per questo è stato deciso di conferire a Del Carlo la “Laurea Magistrale alla memoria in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale” e l’Attestato di riconoscenza e stima alla memoria a Velio Coviello. La cerimonia si terrà venerdì 24 novembre, a partire dalle 10 nella Sala d'Onore del Castello del Valentino. A intervenire, oltre al rettore del Politecnico, Guido Saracco, la coordinatrice del Collegio di Pianificazione e Progettazione Claudia Cassatella che illustrerà la motivazione della laurea e Cristina Pronello che di Del Carlo era stata relatrice. Paolo Vezza, del Diati, il Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture, illustrerà le ragioni dell'attestato, ma a ricordarlo interverrà anche il collega di Coviello all'Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica-IRPI del CNR, Massimo Arattano.

I due amici sono morti sotto una valanga staccatasi nel pomeriggio del primo aprile, in Valle d’Aosta, erano sciatori esperti. Il soccorso alpino valdostano ne aveva recuperato i corpi il giorno successivo, erano sepolti sotto tre metri di neve a quota di 2400 metri sullo Château des Dames, a Valtournenche.

Per ricordare Del Carlo il Bike pride, di cui era stato uno degli animatori, ha chiesto che gli sia intitolato la ciclabile di via Nizza a Torino per la quale si era battuto, prima da attivista e poi da collaboratore della giunta Appendino e dell'assessora alla Viabilità, Maria Lapietra.

L'omaggio del rettore Saracco

“L’Ateneo rende omaggio a due ex allievi che si sono distinti per quelle che dovrebbero essere le qualità dello scienziato di valore e del buon cittadino: caparbietà nella ricerca, curiosità nello studio, padronanza dei mezzi tecnici, ma soprattutto amore per la scienza, passione per il proprio lavoro e cura per il bene comune – sottolinea Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino - Velio e Gabriele sono stati ricercatori di grande valore nella loro breve carriera e attivisti tenaci nel difendere il territorio e nel promuovere la tutela dell’ambiente e delle istituzioni. Hanno lasciato e lasciano ancora oggi un grande vuoto che sta a noi cercare di colmare, proseguendo anche la loro opera di studio e di sensibilizzazione sugli stili di vita sostenibili. Alle famiglie rinnovo la vicinanza e l’abbraccio di tutta la comunità del Politecnico di Torino".