Problemi da risolvere

Novara, una ventina di esercenti del mercato coperto sul "piede di guerra"

Il timore è che il Comune voglia affidare la gestione ad un privato

Novara, una ventina di esercenti del mercato coperto sul "piede di guerra"
Web
Il mercato coperto

Gli esercenti del mercato coperto di Novara scendono in campo contro il Comune, proprietario e gestore della struttura: denunciano che dopo lettere e incontri, oltre dieci anni dopo l'avvio dei lavori di ristrutturazione dei padiglioni, in realtà non sono state risolte alcune problematiche di rilevanza fondamentale. I lavori di sistemazione sono cominciati nel 2013, un intervento necessario in un complesso quasi centenario: la sua costruzione ebbe inizio nel 1937 e terminò due anni dopo, sotto la direzione dell’ingegner Biagini.

Una ventina gli operatori sul piede di guerra

Tante le problematiche che una ventina di operatori, rappresentati dagli avvocati Marina Ughetta e Luca Milani, hanno messo in evidenza prima in una lettera della fine del 2022, e che ora tornano ad evidenziare  in un incontro con la stampa in programma il 6 aprile. “Nel periodo estivo le temperature superano anche i 30 gradi e sono incompatibili con la vendita di prodotti alimentari freschi. Mancano l'ascensore per i portatori di handicap e i bagni al 1° piano. Mancano le doppie porte per proteggere i banchi dalla polvere e impedire l'ingresso di animali. A ottobre sono state anche rimosse le tende parasole e ancora oggi non sono state ripristinate; i raggi del sole disturbano sia gli operatori ai banchi, che i clienti e riscaldano la merce in vendita”, come spiegano in un documento presentato dai legali. 

Il timore, spiegano, è che il Comune voglia liberarsi della gestione del Mercato cedendola ad un soggetto imprenditore privato, con obiettivi diversi, imponendo agli operatori la costituzione di un Consorzio gestito da terzi.

Il Mercato Coperto di viale Dante Alighieri si trova nel centro cittadino, sul lato ovest del centro storico di Novara, nel primo tratto di viale Dante Alighieri.