Treni svizzeri affollati

Folla sul treno dei pendolari tra Svizzera e Verbano

Frontalieri esasperati: pochi treni e affollati. La società svizzera promette: a Febbraio più convogli.

I frontalieri che dall’Ossola raggiungono la svizzera Briga in treno devono pazientare fino al 7 febbraio per vedere aumentati i posti a sedere sul convoglio in partenza alle 17,22 da Briga e diretto a Domodossola. L’annuncio è della direzione di Bls, la società svizzera che gestisce il traffico locale tra Ossola e Canton Vallese. La capienza del treno sarà aumentata dagli attuali 340 posti a 470 spiegano.

La decisione è la risposta alle proteste avanzate in questi giorni dai frontalieri, che denunciano condizioni di viaggio non accettabili.

A contribuire all’affollamento, oltre alle poche carrozze di cui è composto il treno c’è la cancellazione del secondo convoglio in transito lungo l’asse del Sempione, in partenza da Briga alle 17,07, una corsa aggiuntiva per garantire il distanziamento.


La realtà è nota alla direzione di Bls che appunto ha deciso di ampliare la composizione del treno dei frontalieri. «Siamo consapevoli che la situazione durante le ore di punta serali tra Briga e Domodossola non è soddisfacente per i pendolari e sappiamo anche che lo spazio è ridotto.