Gli esperti preparano il futuro del piccolo rifugiato

Una nuova vita per Mustafà

Allo studio nel centro Inail di Vigorso di Budrio le protesi per il bimbo siriano nato senza arti a causa del gas nervino.

Il bimbo arriverà tra qualche giorno con il padre. Una gara di solidarietà partita da una straordinaria foto nel campo profughi.

Nel servizio le voci di Emanuele Gruppion, direttore Ricerca e Gregorio Teti, direttore tecnico, entrambi del Centro Inail di Vigorso di Budrio.