La Coppa Italia conferma la forza del progetto della Bertram

Tortona si piega a Milano ma ora pensa in grande

I ragazzi di coach Ramondino tengono testa per un tempo poi cedono alla maggiore esperienza dell'Olimpia

La favola Tortona si è fermata di fronte alla corazzata Milano. Troppo forte l'Olimpia e troppo grandi le distanze in un torneo nel quale si giocano tre partite di altissimo livello in tre giorni e nel quale le rotazioni e la lunghezza del roster sono dunque decisivi. La squadra di Ramondino ha avuto comunque il merito di tenere testa ai campioni in carica giocando punto a punto fino all'intervallo lungo chiuso sotto di appena otto punti. Negli ultimi due quarti le scarpette rosse hanno preso il largo fino al 78-61 finale ma la gara è stata molto più combattuta di quanto i valori sulla carta lasciassero presagire. Merito di un Mascolo sempre generoso e di un Jp Macura oramai in formato Eurolega.

Adesso il prossimo obiettivo per la Bertram si chiama play-off, un traguardo che pare alla portata di una neopromossa che ha imparato a stupire ma il cui successo non è frutto del caso ma di una programmazione attenta e di basi economiche robuste.