Prova confortante della sciatrice torinese che resta tra le prime trenta

Piemontesi olimpici, la Gulli 29a nello slalom. Attesa per lo skeleton e il curling

Più cauta nella prima manche, più brillante nella seconda, la Gulli, reduce da un infortunio importante e da una qualificazione last minute, è soddisfatta della sua gara. Stanotte lo skeleton con Amedeo Bagnis. Domattina il curling con Simone Gonin

Le olimpiadi invernali di Pechino: è riuscita a rimanere entro le prime trenta posizioni la torinese Anita Gulli nella gara di slalom femminile di Yanqing: nella notte aveva chiuso la prima manche al 32esimo posto, e nelle prime ore della mattinata italiana ha concluso la seconda manche al 29esimo posto.

Una prova confortante per la nostra atleta che era reduce da un infortunio importante e aveva guadagnato la qualificazione olimpica all'ultimo respiro grazie ai punti ottenuti in coppa del mondo, in una disciplina, lo slalom, in cui le nostre ragazze quest'anno faticano un po', a differenza delle specialità più veloci.

Prossimi appuntamenti a cinque cerchi che riguardano gli atleti piemontesi: nella notte a partire dalle due e trenta lo skeleton uomini, in gara il classe 99 di Tricerro nel vercellese Amedeo Bagnis dell'Atletica Vercelli. Domattina dalle 7 torna il curling: la sessione 2 di round robin uomini con Simone Gonin, 32enne di Savigliano in forza allo Sporting Club Pinerolo.