Torino

Non si fermano le proteste, occupato anche il liceo Cottini

All'ordine del giorno la riforma dell'alternanza scuola-lavoro dopo la morte, a Udine, del diciottenne Lorenzo Perelli, le cariche della polizia al corteo degli studenti il 28 gennaio scorso e il nuovo esame di maturità.

Il liceo artistico Cottini di Torino si unisce alle scuole che in questi giorni sono occupate, otto in tutto nella sola Torino con il Bodoni-Paravia e l'Aldo Passoni che si sono a loro volta uniti alla protesta dei licei Gioberti, Alfieri, Primo Levi, Cottini, Cattaneo e D'Azeglio.

Sacchi a pelo in palestra, si dorme e si fanno assemblee. All'ordine del giorno la riforma dell'alternanza scuola lavoro dopo la morte del diciottenne Lorenzo Perelli. Ma anche le cariche della polizia al corteo degli studenti del 28 gennaio scorso e il nuovo esame di maturità.

Il tutto mentre il ministro dell'istruzione Bianchi annuncia che con il Pnrr ci sarà la riforma dell'orientamento scolastico che, assicura, garantirà sicurezza totale.

Servizio di Laura Preite, immagini di Roberto Osti, montaggio Tiziana Samorì

Intervistati: Nicolò Scaravelli (rappresentante di istituto), Clara Fazzion e Ludovico Ameli (rappresentante di istituto)