Sul territorio anche minori non accompagnati

Profughi ucraini, in Piemonte sono già 4mila

Il Console Onorario Dario Arrigotti: "Serve massima attenzione"

Continua il flusso dei profughi ucraini. Si lavora per dare loro un tetto ma anche per regolare la diffusa ospitalità spontanea. L'appello è a comunicare ogni arrivo per la sicurezza e per il bene di tutti. 

L'emergenza umanitaria chiede, dopo il covid, un altro sforzo enorme. Le priorità sono due: dare un tetto a chi fugge dalla guerra e regolamentare la generosità spontanea. In Italia finora sono arrivati oltre 40 mila ucraini, 4mila in Piemonte. Ma si stima che almeno altri mille siano sparsi nelle case di chi ha aperto le porte. Un flusso in parte, per forza di cose, fuori controllo, serve la massima attenzione. 

servizio di Marzia De Giuli.
Riprese Roberto Osti
Montaggio Elisa Pozzati
 
Interviste:

DARIO ARRIGOTTI
CONSOLE ONORARIO UCRAINA A TORINO

ALBERTO CIRIO 
PRESIDENTE REGIONE PIEMONTE

FRANCO DE GIGLIO
DIRIGENTE PROTEZIONE CIVILE PIEMONTE