La ricerca ha accelerato anche durante la pandemia

Cancro, l'immunoterapia corre

Aumentano le sperimentazioni cliniche di immunoterapia oncologica rispetto a due anni fa. Il punto con gli immunologi Alberto Mantovani, direttore scientifico Humanitas e Michele Maio del Policlinico di Siena.

Ci sono tumori che hanno fatto da apripista. Il melanoma cutaneo, ad esempio, per il quale il trattamento immunoterapico ha ormai sostituito la chemioterapia. Una decina i farmaci immunoterapici approvati e rimborsati dal nostro sistema sanitario in campo oncologico. Vengono utilizzati per altrettanti tipi di cancro, in alcuni casi come prima opzione in altri dopo le terapie tradizionali a seconda delle caratteristiche biologiche o molecolari del tumore e della storia clinica del paziente. 
Centinaia le sperimentazioni attive, non si sono fermate nemmeno con il Covid. Anzi, nel 2021 sono aumentate rispetto all'anno precedente. La sperimentazione clinica in questo settore in Italia vede anche l'impegno di enti no profit che portano avanti ricerche indipendenti, come quelle che, l'anno scorso hanno dimostrato come l'immunoterapia cambia la storia dei pazienti con metastasi cerebrali da melanoma: metà di questi è vivo a cinque anni dal trattamento. Prima, con la chemioterapia, la sopravvivenza media era di 4-6 mesi.