Domani sera lo spareggio contro la Macedonia del Nord

Verso una Nazionale senza "torinesi"

Mancini tiene coperte le sue carte, ma Chiellini e Bonucci potrebbero essere risparmiati per il match decisivo contro Portogallo o Turchia

Lindo e pinto come ha detto domenica scorsa Max Allegri ma domani contro la Macedonia molto probabilmente Giorgio Chiellini partirà dalla panchina. Una scelta fatta per preservare il capitano bianconero in vista di quella che in caso di qualificazione sarà la battaglia che martedì prossimo deciderà della qualificazione della nazionale al Mondiale: Portogallo o Turchia, in ogni caso trasferta, saranno avversari tutt'altro che agevoli. E una scelta analoga potrebbe riguardare anche Leonardo Bonucci: l'intenzione di Mancini è quella di alzare di fronte a Cr 7, probabile avversario, lo stesso muro che ha permesso agli azzurri di conquistare l'Europeo contro l'Inghilterra. Diverso il discorso che riguarda il capitano granata Andrea Belotti: anche il gallo non figurerà nell'undici titolare, ma i suoi chili e la sua capaccità nel gioco aereo potrebbero tornare utili a gara in corso se la Macedonia si mostrasse avversario più ostico del previsto. Così, complice anche il Covid che ha messo fuori gioco Locatelli, sarà una nazionale priva di giocatori delle squadre torinesi ma tra cinque giorni, a decidere le sorti della qualificazione mondiale, in un senso o nell'altro, potrebbero essere uomini che hanno scritto pagine importanti sotto alla Mole.