Echi di guerra

I riflessi della guerra tra le colline del Roero

Tra le molte ripercussioni economiche della guerra anche quella sulle aziende del piccolo distretto dell'olio. Impegnate in import/export consolidato in russia, e poi in Ucraina. Bloccato da 10 giorni

Nel Roero, piccolo distretto dell'olio d'oliva, che in russia, e poi in ucraina, ha consolidato il proprio export, l'economia si è fermata nel giro di 24 ore. Qui l'ucraina è un paese molto importante perché come abitudini alimentari si avvicina molto a quelle italiane. Ad est hanno diversi clienti, alcuni dei quali sono diventati nel tempo anche amici.

Dal 24 febbraio il business si è fermato perché le strade sono bombardate. Ora, su whatsapp, invece di preventivi e tempi di consegna, scorrono esplosioni. Impossibile fare, o parlare, di affari. anche se la guerra, per chi esporta e importa olio dall'ucraina, è un'incognita pesante.

servizio di Martino Villosio Montaggio di Enrico Caleffi Intervistato Luca Ruata - titolare azienda