Serie A

Juve, la riscossa di Dybala. Toro col Milan senza Madragora

Parte male, perde la palla che regala ai Sardi l'1 a 0, sbaglia gol e passaggi. Allegri lo vuole sostituire, e allora lui inventa l'assist per Vlahovic. L'abbraccio liberatorio con il serbo. Il Toro giudice-scudetto: arriva il Milan

Cagliari-Juventus, la partita di Paulo Dybala. Su una cosa, Massimiliano Allegri, si era sbagliato: aveva previsto una partita brutta, e invece alla Unipol Domus, contro il Cagliari, le emozioni non sono mancate. Basta guardare il film della partita di Paulo Dybala. Primi 20 minuti disastrosi: perde un pallone sanguinoso, Marin parte, difesa bianconera in pauroso arretramento. E palla a Joao Pedro che fa 1 a 0. Non sarà la sola palla persa dalla Joya, che tende ad arretrare lasciando Vlahovic troppo solo là davanti nel 3-5-2 schierato a sorpresa da Allegri. La Juve reagisce. 20 tiri a 4. E De Ligt, su assist dell'onnipresente Cuadrado, pareggia.

Cambio di marcia

Ma Dybala non segna più su punizione come una volta. Sbaglia la palla buona che gli regala Chiellini. Si scaldano Kean e Bernardeschi, tira aria di sostituzione. E allora la Joya, improvvisamente, si sveglia. Comincia a sfornare assist. Quello decisivo, per Vlahovic, che regala alla Juve la vittoria. L'abbraccio liberatorio con il serbo, in un finale di stagione certo non facile per lui. “Non era facile, il contraccolpo psicologico dopo la sconfitta contro l'Inter c'è stato”, ha detto Massimiliano Allegri a fine gara. “Ma dopo il gol abbiamo avuto tante occasioni e non abbiamo concesso nulla: vittoria meritata”.

Torino-Milan

Finale di campionato dove il Torino potrebbe pronunciare una sentenza-scudetto: contro il Milan, Juric senza Mandragora

TORINO (3-4-2-1): Berisha; Zima, Bremer, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Vojvoda; Pobega, Brekalo; Belotti. A disposizione: Milinkovic, Gemello, Izzo, Pjaca, Ansaldi, Garbett, Seck, Akhalaia, Aina, Pellegri, Linetty, Buongiorno. Allenatore: Juric.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Kessie, Tonali; Saelemaekers, Diaz, Leao, Giroud. A disposizione: Tatarusanu, Mirante, Ballo-Toure, Lazetic, Maldini, Messias, Krunic, Bakayoko, Gabbia. Allenatore: Pioli.