La città cinese da 26 milioni di abitanti è in lock down da fine marzo

Lock down a Shanghai, la rivolta dei genitori

I bimbi positivi separati dai familiari e lasciati soli. Rivolta dei genitori. E le autorità cinesi sono costrette a cambiare le regole del lock down

A Shanghai, i 26 milioni di abitanti vivono un lock down militarizzato, che comunque non riesce a fermare i contagi, i più alti da Wuhan in poi. La capitale finanziaria sta pagando anche la scarsa efficacia dei vaccini cinesi. La strategia del "covid zero" ha fatto i conti senza Omicron. E senza i genitori dei bambini positivi.