Israele conferma l'efficacia del richiamo

Quarta dose, primi dati

Maggiore protezione dalla malattia grave rispetto alle sole tre dosi, di breve durata l'efficacia contro il contagio. Studio su oltre un milione di ultrasessantenni di fronte a Omicron.

Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, prende in esame oltre 1 milione di israeliani idonei alla quarta dose (1.252.331), tra il 10 gennaio e inizio marzo, quando la variante dominante era Omicron. I ricercatori hanno osservato che i casi gravi in chi aveva ricevuto la quarta dose erano meno di quelli tra chi era fermo al booster o aveva ricevuto la quarta da pochi giorni. Non solo, ma anche che la protezione che il vaccino dà verso la malattia grave non è diminuita durante le 6 settimane successive al ricevimento della quarta dose.Anche i casi di positività erano minori tra quanti avevano ricevuto la quarta dose rispetto agli altri gruppi. La protezione dall'infezione con Omicron raggiungeva il livello massimo a quattro settimane dal vaccino, poi iniziava a calare rapidamente, fino a dimezzarsi dopo l'ottava settimana.