Stagione da ricordare con la vittoria nei playoff

Dall'Ucraina a Torre Pellice nel segno dell'hockey

La squadra torinese ha accolto nelle giovanili tre ragazzi in fuga dal conflitto accomunati dalla passione per i pattini da ghiaccio

C'è qualcosa che, in tempi di pace, accomuna Torre Pellice e l'Ucraina: la passione per l'hockey su ghiaccio. E così, la federazione e i dirigenti della Valpellice Bulldogs, hanno deciso di accogliere nelle formazioni giovanili tre ragazzi provenienti da Kharkiv e dal Donbass. 

Una stagione da ricordare questa per la Valpe che, dopo un'ottima regular season, ha anche vinto i playoff contro i trentini del Pinè. Quasi tutti i giocatori sono nati nella zona grazie a un vivaio che sforna talenti e 180 tesserati. 

Servizio di Massimo Lanari, montaggio Giancarlo Raviola. Interviste a: Dino Grossi, allenatore Valpellice Bulldogs, Roberto Gay, presidente Valpellice Bulldogs, e Filippo Salvai, capitano e attaccante Valpellice Bulldogs.