Cresciuto ad Amman, arrivato a Torino per studiare al Politecnico

Dalla Giordania a Rivoli per progettare i treni del futuro

Mohammed Eid guida un'azienda con 150 dipendenti e 12 milioni di fatturato

Nato ad Amman in Giordania, volato in Piemonte per fare ingegneria. Oggi a capo di un'azienda che si occupa di progettazione nel campo dei trasporti per le smart cities, con 150 dipendenti, 12 milioni di fatturato e come socio forte il più grande gruppo al mondo di produzione di treni. La storia di Mohammed Eid è una lunga avventura. Iniziata a tre anni vedendo lo sbarco del primo uomo sulla luna.

Arrivato a Torino però l'università non è stata una passeggiata. Bisognava studiare la lingua e affrontare corsi difficili.

All'epoca gli studenti stranieri erano pochi anche al Politecnico. Eid è stato uno dei pochi a laurearsi nei tempi previsti e poi così si è aperta la strada del mondo del lavoro. Prima come dipendente. Poi con la sua azienda di ingegneria. Non a caso con altri soci di origine straniera.

Oggi anche l'azienda ha una vocazione internazionale, un tratto che era nel suo DNA.

L'unione industriale segnala la Blue Enginnering come uno delle aziende piemontesi come minor turnover del personale in assoluto.

 

Servizio di Vanni Caratto

Montaggio di Paola Bovolenta