Sport e beneficenza

Bonucci-Maccari, raccolta fondi per il Regina Margherita

Dal Delta del Po a Torino: passeggiata di 575 km per la moglie del difensore della Juventus. Obiettivo, raccogliere contributi per l'acquisto di un esoscopio per il reparto di Neurochirurgia pediatrica. Donati finora 170mila euro

Bonucci-Maccari, un progetto per il Regina Margherita. Per una volta non parla di calcio, Leonardo Bonucci: “Le mie fatiche in campo, in confronto alle sue, non erano niente. Un esempio per me, per i bambini e per tutti quelli che credono a questo progetto”.  La protagonista assoluta, oggi, è la moglie Martina Maccari. Che ha portato a termine una passeggiata lunga 575 chilometri. Partita da Lido di Volano (Ferrara), e poi su lungo le sponde del Po, fino a Torino. Obiettivo, raccogliere fondi per l'acquisto di un esoscopio destinato al reparto di Neurochirurgia dell'Ospedale infantile Regina Margherita. 

Il viaggio dell'accoglienza

“I medici del Regina Margherita, con cui siamo entrati in contatto ormai diversi anni fa, ci avevano parlato dell'importanza di questo strumento", racconta Martina. Così abbiamo deciso di agire”. Pronti via, parte la passeggiata, e l'incontro con tanti volontari e con il mondo delle associazioni delle regioni attraversate, che hanno condiviso con lei una parte del percorso. In tutto, oltre 300 persone. “Durante il viaggio abbiamo incontrato tanta disponibilità e tanta accoglienza”, racconta Martina. Raccolti, finora, 170mila euro. “Ci siamo quasi”, dice Martina Maccari. "Manca ancora poco, per questo la raccolta fondi è ancora aperta.

L'esoscopio: cos'è

Ma che cos'è un esoscopio? “Si tratta - spiega Paola Peretta, direttrice di Neurochirurgia pediatrica Regina Margherita - di un'evoluzione del microscopio, che consente di acquisire e registrare le immagini ad altissima risoluzione, e poi di condividerle su uno schermo con il personale coinvolto in sala operatoria”. Durante delicatissime operazioni al cervello.