Per Juve e Toro è tempo di programmare la prossima stagione

Cairo rassicura Juric, Pogba si avvicina alla Juve

Il tecnico croato soddisfatto dopo il summit di mercato con il presidente e il direttore sportivo Vagnati. Sul fronte bianconero si infittiscono le voci sul ritorno del centrocampista

Mandato un archivio un campionato senza acuti, per Juve e Toro è tempo di summit e di programmazione con due squadre che per forza e per volontà cambieranno di molto il loro volto. Se Allegri si vedrà nei prossimi giorni con Nedved e Arrivabene ma la società è già al lavoro sui primi due obiettivi Pogba e Di Maria, oggi è stato il turno del summit granata tra Juric, Cairo e Vagnati. Dieci sono i giocatori che il tecnico croato ha chiesto per dar seguito al suo progetto, ma molto dipenderà dalla decisione di Belotti, la cui prudenza nello sciogliere le riserve si spiega anche con la volontà di avere chiaro in quale Toro continuerebbe eventualmente e a giocare. Se in una squadra con l'ambizione di terminare il suo viaggio in Europa o se la prospettiva è invece quella di tornare a navigare nella parte di destra della classifica. In quest'ultimo caso il capitano potrebbe allora cambiare aria puntando le sue attenzioni verso Firenze, Bergamo o Roma sponda giallorossa. In casa Toro comunque le prime decisioni da assumere riguardano i prestiti in scadenza: Mandragora, Praet e Pjaca. Sui primi due i granata sono tentati dal rilancio, mentre difficilmente verrà confermato il trequartista croato. Poi ci sarà da scegliere il numero uno: Milinkovic e Berisha non hanno convinto, al retrocessione del Cagliari fa tornare d'attualità la soluzione Cragno. Quel che certo è che si dovrà fare in fretta: a inizio luglio le suadre si troveranno per iniziare la preparazione di un anomalo campionato che prenderà il via a Ferragosto.