Ondate di calore sempre più frequenti e anticipate

Primavera rovente per India e Pakistan

Il subcontinente indiano patisce da marzo temperature superiori ai 40°C, con picchi di 50°C, mentre in alcune regioni mancano all'appello il 70% delle piogge. Un dramma per l'agricoltura locale e la fame dell'Africa.

Secondo uno studio pubblicato da Nature e realizzato dai ricercatori della World Weather Attribution, le ondate di calore già registrate fin da marzo in India e Pakistan sono destinate a moltiplicarsi, diventando 30 volte più frequenti che nell'era preindustriale. Un incubo per la produzione di grano, destinata anche all'esportazione verso i paesi africani, già in sofferenza per le mancate forniture da Russia e Ucraina. Una tempesta perfetta che aumenterà l'insicurezza alimentare nelle aree africane più povere. In Italia, stretta fra crisi idrica e temperature roventi nelle città, si potrebbero superare i record negativi del 2003.