Un centinaio i pazienti accertati, oltre trenta quelli da confermare

Vaiolo, i nuovi casi

Quarto caso italiano, in Toscana. Tutta ancora da ricostruire la circolazione locale, senza collegamenti diretti con l'Africa. Sul tavolo dell'OMS l'ipotesi di elevarlo a emergenza sanitaria internazionale.

I genomi virali isolati e depositati in Belgio, Portogallo e Stati Uniti sono simili tra loro e coincidono con quello originario del virus del vaiolo delle scimmie localizzato nell'Africa occidentale, che dà una forma più lieve di malattia. Questo indica che il virus non ha avuto grandi mutazioni. Non solo, le sequenze rimandano a quelle isolate in Nigeria e nel Regno Unito durante una epidemia del 2018. Dei casi confermati a livello internazionale, solo una minima parte ha avuto un collegamento diretto con l'Africa, il che prova la circolazione locale del virus - per la prima volta secondo l'ECDC, il centro europeo per le malattie infettive - e la trasmissione uomo-uomo.