Piemonte, non dà tregua l'ondata di calore

Caldo da bollino rosso, pronto soccorso sotto pressione

Non solo Covid in questi giorni nei reparti degli ospedali piemontesi, sotto stress anche per le temperature da record di Apocalisse 4800. Sintomi più evidenti disidratazione e alterazione del ritmo cardiaco. Parola d'ordine: prevenzione.

I pronto soccorso degli ospedali di Torino sono messi a dura prova da questa ondata di caldo rovente. E così in questi giorni aumentano i ricoveri da bollino rosso

Millecinquecento i pazienti a rischio nella città di Torino, segnalati dai medici di base, che finiscono poi nella rete di assistenza prevista dal piano nazionale attivato nella caldissima estate del 2003. 

Sergio Livigni è il responsabile del dipartimento DEA della asl città di Torino. I suoi consigli all'insegna della prevenzione. 

Servizio di Davide Denina

Montaggio: Claudio Secco 

Con interviste a Sergio Livigni, responsabile del dipartimento DEA della asl città di Torino.