Fermi a 172 i casi accertati

Peste suina, la Regione chiede aiuto al governo

Consiglio regionale aperto sull'abbattimento dei cinghiali: chiesta una revisione della legge nazionale per allungare il periodo di caccia. Preoccupazione per i continui danni alle coltivazioni e per i pericoli sulle strade.

 

Servizio di Marco Bobbio, montaggio di Beppe Serra. Interviste a Fabio Carosso, vicepresidente Regione Piemonte, Roberto Moncalvo, presidente Coldiretti Piemonte, Domenico Ravetti, consigliere regionale Pd, Angelo Ferrari, commissario straordinario alla peste suina.

Danni all'agricoltura, incidenti anche letali sulle strade, vettore di diffusione della peste suina. Per ridurre il sovrappopolamento dei cinghiali, si stima che siano oltre 50 mila in tutto il Piemonte, la Regione chiede un intervento normativo del governo che consenta il prolungamento della stagione di caccia.

Richiesta sostenuta dalle associazioni di categoria, che però puntano anche l'attenzione sul presidio del territorio. Intanto procedono i lavori per il recinto di contenimento: dei 160 chilometri da realizzare, un primo lotto è in dirittura di arrivo mentre per altri quattro i lavori sono partiti; entro fine agosto la struttura dovrebbe essere completa, così da consentire un abbattimento massiccio inizialmente intorno alla zona rossa.